Letture leggere, letture divertenti, letture impegnative, letture ad alta voce, letture animate… sembrerà forse strano ma all’Asilo Nido si legge molto e un po’ di tutto.

Giovedì scorso per questa rubrica “Un nido di libri” ho proposto ai bimbi “Sgrunt Sgrunt Benny!”, un albo tanto spassoso quanto impegnativo. Terzo di una collana di tre opere ma che regge molto bene anche come singolo libro.

Oggi, sulla scia, cari educatori-genitori-lettori vi proporrò non un libro ma proprio una collana: Bababum, edita da Babalibri. Il denominatore comune di questa collana di libri non è il protagonista delle avventure narrate ma l’obiettivo di fondo, ossia una selezione attenta e accurata dei libri più apprezzati dai bambini in versione “tascabile”.

L’Anno Educativo al Nido, eccezione fatta per i bambini che frequenteranno il centro estivo, sta volgendo al termine… Presto tutti andranno in vacanza: chi al mare, chi in montagna, chi partirà per un lungo viaggio, chi resterà a casa ma… potrà viaggiare con la fantasia. Occasioni da non perdere per coltivare nei bambini la passione per i libri.

Un piccolo lettore, come un grande lettore, anche in vacanza ama ritagliarsi del tempo per leggere e, il più delle volte, sceglie sempre gli stessi libri, quelli che ama di più.

Quattro anni fa andai in Irlanda con la mia famiglia, un bellissimo viaggio di dieci giorni. All’epoca mio figlio piccolo era ancora in età da asilo nido. Ricordo che nel bagaglio a mano, oltre alla borraccia con l’acqua, al K-Way, alla merenda avevo messo alcuni Bababum che ci hanno accompagnato durante la nostra vacanza: “Mangerei volentieri un bambino”, “Zeb e la scorta di baci”, “In una notte nera” e, immancabile, “Zuppa di sasso”.

Quando si parte per un viaggio ci sono alcune cose di cui non si può fare a meno.

Stilando una lista veloce direi che nella top ten di un bimbo “under 3” ci sono:

1. la mamma… che pensa agli altri 9 punti!!!

2. il ciuccio o una caramella gelee (entrambi nocivi per i denti ma miracolosi come risoluzione rapida e indolore a un capriccio più o meno fondato e, sia da mamma che da educatrice, vi assicuro… a volte aiuta!)

3. “la nanna” o peluche preferito

4. il biberon o borraccia dell’acqua (frequenti gli attacchi di sete ad elevato rischio disidratazione che solitamente si manifestano in presenza di una folla e in assenza di una fontana)

5. qualcosa da mangiare (altrettanto frequenti gli attacchi di fame ad elevato rischio denutrizione istantanea che solitamente si manifestano in presenza di un coetaneo che mangia e in assenza di qualcosa da mangiare a portata di mano).

6. i libri

7. un gioco

8. i fazzoletti

9. il costume (può sempre servire)

10. pannolini, salviettine, biancheria, vestiti… e tutto quello che un adulto metterebbe in una valigia.

I libri rientrano quindi tra gli indispensabili!!!

La domanda sorge spontanea… che senso ha una versione tascabile di un albo illustrato? Può un libro della collana Bababum sostituire il corrispondente grande albo illustrato?

Ovviamente no!

È impensabile che la riproduzione in scala ridotta di un albo abbia più successo dell’originale. Come in ogni cosa, tuttavia, ci sono pro e contro.

Tra i limiti cito solo il più evidente: essendo il libro molto più piccolo del corrispondente albo è inadatto a una lettura di gruppo. La dimensione ridotta delle immagini e le illustrazioni non riescono ad assolvere, con un ampio “pubblico”, alla complementarietà del linguaggio figurato e il testo.

Anche tra gli aspetti positivi mi limito ad elencare quelli più lampanti: i Bababum sono portatili, pratici, flessibili e anche poco costosi.

Quest’anno al Nido, per la festa di Natale, abbiamo regalato ai bambini (con il contributo dei genitori) dei libri, alcuni hanno scelto albi, altri il formato della collana Bababum. Il prezzo decisamente accessibile ha permesso a tutti di aderire alla proposta. I genitori ci hanno fornito in seguito un buon feedback in quanto si trattava di albi che i bambini conoscevano bene. Al Nido leggevamo il grande albo (p.e. “Che rabbia”) e a casa poi si godevano il formato ridotto.

Lo so, può sembrare poco carino “dare in mano ai bambini quello che costa meno”, ma in un’ottica di educazione alla lettura e alla cura del libro ci sta. Inoltre essendo più piccoli e con la copertina flessibile sono facilmente maneggiabili e per i bambini questa è una conquista. Ai bambini piace avere una copia tutta per loro!

Della collana Bababum fanno parte moltissimi titoli che potrete trovare qui. Nella pagina web della collana per ciascun libro c’è anche la fascia d’età suggerita tuttavia, come ho già detto in altri post, “i libri non hanno particolari controindicazioni” e anche se si leggono ad un’età diversa da quella consigliata vengono apprezzati ugualmente per il piacere della lettura in sé.

Quindi… leggere per il puro piacere di leggere, leggere per ridere, leggere per farsi leggere, leggere per il piacere di ascoltare, leggere per addormentarsi, leggere per coccolarsi, leggere per tutti i gusti e tutte le età, l’importante è leggere!

Se dovessero partire per un viaggio credo che i miei bimbi dell’asilo nido non potrebbero fare a meno di mettere in valigia questi libri:

– Che rabbia!

– Blub Blub Blub

– Sono io il più forte

– Una zuppa di sasso

– Il palloncino rosso

– La regina dei baci

– A caccia dell’orso (versione cartonato)

– Il libro Gatto

Gli ultimi due in realtà non fanno parte della collana Bababum (uno è edito da Mondadori e l’altro da Minibombo) ma li ho ugualmente inseriti nell’elenco per le loro dimensioni ridotte e il loro pratico formato.

E ora, per chi può …buone vacanze!!!