“Quando il sole si sveglia…”

Età: da 1 anno

Pagine: 24

Anno: 2015

Editore: Topipittori

Autore: Giovanna Zoboli

Illustrazioni: Philip Giordano

 

 

 

Letture leggere, letture divertenti, letture impegnative, letture ad alta voce, letture animate… sembrerà forse strano ma all’Asilo Nido si legge molto e un po’ di tutto. Anche… quando il sole si sveglia.

Il tempo, è sempre stato interesse dell’uomo, fin dall’antichità.

Filosofi, scienziati, studiosi di ogni epoca si sono interessati al tempo. Dal tempo non ci si può esimere, il tempo si può osservare, si può misurare, il tempo si può vivere. I greci lo distinsero in krónos e kairós. Una cosa è certa il tempo non si può ignorare perché lascia traccia. Seppur piccolissimi, l’hanno capito anche i bimbi: il tempo ci condiziona.

Per i bambini il tempo è argomento di profondo interesse e fonte inesauribile di domande:

“Quando arrivano le mamme?”

“Quando arriva la pappa?”

“Quando andiamo a nanna?”

La parola “quando”, intesa come avverbio interrogativo, definisce il tempo come un punto sia in proposizioni interrogative dirette, sia in quelle indirette. (Ovviamente le prime sono quelle che interessano principalmente i bambini).

Che i bambini siano filosofi? …probabile, un po’ tutti lo siamo.

Che siano scienziati? …forse.

Che siano studiosi? …sicuro!

Il bello dei bambini è che sono in continua ricerca!

I bambini sanno (un po’ perché davvero lo sanno, un po’ perché lo chiedono, un po’ perché – date le ricorrenti anomalie del ritmo sonno-veglia – i genitori glielo inculcano) che di giorno c’è il sole, si può gridare, correre e giocare. Di notte c’è la luna, si fa silenzio, si sta tranquilli, si dorme!

I bambini amano il sole perché…

“…è bello”

“…fa luce”

“…fa l’ombra”

I bambini amano la luna perché…

“…si fa cercare”

“…è in cielo”

“…è bianca”

I “piccoli” guardano in alto “naturalmente”; data la loro “altezza”, sollevano la testa a 45° molto più spesso di noi grandi e… cercano la luna. La cercano la mattina per strada andando all’asilo, prima che scompaia. Amano riconoscerla nelle sue forme, a spicchio o sfera, bianca ed elegante. La cercano la sera quando ormai è quasi buio e gioca a nascondino tra i tetti delle case. Si dispiacciono quando non la vedono più. Si chiedono dove sia andata. Si rallegrano quando la riscoprono poco più in là.

Mi ha sempre affascinata la diversa percezione del tempo nei bambini e negli adulti. Per i bambini un giorno sembra lunghissimo. Per gli adulti un giorno è il susseguirsi repentino di ventiquattr’ore insufficienti per svolgere tutto quanto programmato.

I bambini non conoscono la pazienza dell’attesa, possono trascorrere un’ora indaffarati e silenziosi come chiedere dieci volte in un minuto “Quando siamo arrivati?”.

Per loro un’ora a giocare con l’acqua sembra un istante, cinque minuti ad aspettare l’arrivo della mamma sembra un’eternità… “ma non arriva?!?”.

I bambini il tempo a modo loro lo percepiscono eccome. Sentono che c’è un prima e un dopo ma faticano a collocarcisi dentro.

A questo servono le routine al Nido. Per aiutare i bambini a dare un senso alla frase “la mamma poi torna”, “ il papà poi torna”.

Asilo Nido

Il libro che ho scelto oggi e che ho già ampiamente introdotto è “Quando il sole si sveglia…

Cartonato, di media misura; le frasi sono semplici (soggetto-verbo) come anche le illustrazioni.  Non si tratta solo di immagini accompagnate da frasi; sono legate tra loro e accomunate dallo stesso sole che dopo essersi svegliato risveglia il mondo intero: dai fiori, agli insetti, agli uccelli, ai pesci, alle persone. L’intera giornata si svolge. Potrebbe essere lunga o corta, ma questo poco conta per i bambini perché… ora si è svegliata la luna. È tempo che il sole tramonti e ciascun soggetto nominato prima si fermi e riposi.

Piace ai bambini (sia lattanti che divezzi) perché:

  • parla il loro linguaggio
  • parla del loro mondo
  • offre input e output che si collegano tra loro e che possono esser colti
  • è facilmente maneggiabile

Piace a me perché:

  • è poesia!
  • è di una semplicità disarmante eppure non banale, coglie l’essenziale sia nel testo che nelle illustrazioni
  • è bello leggerlo sia al gruppo che al singolo
  • automobile e casa sono vive (l’animismo infantile mi affascina e stupisce sempre!)Quando il sole si sveglia; quando la luna si sveglia

Il cerchio si apre, il cerchio si chiude. Giorno e notte. A volte i bimbi faticano, questa etichetta giorno/notte gli sta un po’ stretta… tipico dei bambini… non sono fatti per le convenzioni, ma amano il sole …e la luna!