Oggi è venerdì, il giorno della rubrica video ma ho un raffreddore e un’afonia tale che sarebbe stato davvero impossibile tener fede al compito, allora ho deciso di coccolarmi, dal freddo che sento e dal raffreddore potente con un albo che scalda alla lettura e al ricordo. Uno di quegli albi che basta nominarlo e ti fa sorridere di solcezza…

Oggi quesdo bost lo dedico a be e al bio nado combletamende chuido!

Il raffreddore di Amos Percabbo piccolo immenso capolavoro della coppia Stead edito da Babalibri.

Amos è il custode di uno zoo ed il suo compito, e soprattutto il suo talento, non è quello di custodire bensì di prendersi cura di ciascuno secondo i propri bisogni.

Gli animali lo adorano (e chi non lo farebbe!), tutta la loro giornata ruota attorno alle cure e all’amore di Amos fino a quando, un giorno, Amos non si presenta a lavoro.

 

Ebbene sì, tocca constatare che anche quelli come Amos Perbacco si ammalino di raffreddore e debbano restare chiusi a casa sotto le coperte… gli animali restano perplessi, forse anche un po’ preoccupati, come fare senza Amos? Ma soprattutto, come pensare a lui una volta tanto ricambiando il lavoro di una vita?

Pinguino, tartaruga, gufo elefante e rinoceronte si muniscono di palloncino rosso dono, lasciano lo zoo e vanno a far visita al loro più caro amico bipede umano.

Un palloncino rosso, un buon libro, una tazza di te… tutto per Amos che una volta tanto deve solo rilassarsi o gedersi l’amore degli amici, lo stesso che lui ha sempre dedicato loro.

Una storia di dolcezza familiare e quotidiana, delicatissima come i tratti del disegno che la Castagnoli definirebbe di realismo disegnato; la coppia Stead è specializzata in piccole storie minime capaci di scaldarti nei giorni di inverno, o anche solo di raffreddore.

Credo la gioia più grande sia quella di prendersi cura degli altri a partire dai loro bisogni e dal loro punto di vista, però che bello quando ti accorgi che ciò che hai seminato in maniera del tutto gratuita altrettanto gratuitamente e semplicemente ti torna indietro.

Un albo che è ormai un classico, i bambini lo adorano e non potrebbe essere altrimenti, una storia di amicizia e di rispetto ma soprattutto di cura reciproca da cui possiamo davvero imparare nel profondo qualcosa. Imparare ciò che i libri sanno insegnare silenziosamente meglio di chiunque altro: la vita… e anche il raffreddore!