Una valigia, 4 piccole raccolte di storie, moltissimi autori e un capo stazione che in realtà è il curatore dell’intera opera. Come vi sembra la premessa? A me ha intrigato. E ecco che mi trovo tra le mani questi quattro piccoli libricini che trovo già singolarmente molto affascinanti nel formato e nella scelta dell’impaginazione della copertina. Oggi parlerò della raccolta Stazione 31 (consiglio di sbirciare il sito per vedere un po’ di anteprime delle tavole, che ne ho trovate poche da caricare qui, vale la pena almeno sbirciarle).

Chiedo informazioni allo stand poiché la Passenger Press è una casa editrice che non conosco e mi trovo a parlare con il curatore stesso di questa raccolta: Christian G. Marra!  Già le tavole viste in esposizione al TCBF mi avevano incuriosita, ma la chiacchierata con l’autore mi ha definitivamente convinta all’acquisto.

L’idea è far passare per una piccola stazione dei treni, la stazione 31, personaggi famosi di tutti i tipi e far vivere loro esperienze assurde, nel loro breve transito per questa stazione.

Già di per sé l’ambientazione è curiosa: la stazione si protende sul mare e il suo bar sta in cima ad una lunga e ripida scalinata sulla scogliera. Un luogo eccentrico per persone eccentriche: posso garantire che in quel bar si faranno gli incontri più assurdi.

È il capostazione a dover tenere l’ordine di questo delirio di artisti, scienziati e scrittori. Ha appena iniziato il servizio alla stazione 31, ma si ritrova da subito a dover lavorare decisamente più del dovuto.

Ciò che mi ha colpito di questa raccolta è sicuramente anche la storia che fa da cornice ai racconti. Sprazzi di vita quotidiana e di riflessioni del protagonista che accompagnano e introducono il lettore alla lettura di ogni volume e ogni racconto. Curiosa la scelta di mettere testi di canzoni accompagnati dagli spartiti o dalle indicazioni per suonare la chitarra, quasi ad invitare il lettore ad un accompagnamento musicale per la lettura.

Come avevo anticipato, questa raccolta è una collaborazione di diversi autori che hanno contribuito ognuno con le loro storie e i loro personaggi famosi. Il bello di ogni racconto è l’associare diverse figure e farle interagire tra di loro. Non necessariamente gli abbinamenti sono ovvi o chiari da subito, ma trovo che quelli più eccentrici siano decisamente i migliori. Che ci fanno Dante e Isaac Asimov nello stesso racconto per esempio? Beh non sarò certo io a farvi lo spoiler.

Ogni autore porta la sua personale interpretazione delle figure scelte e le caratterizza come preferisce.

Inizialmente ho accennato ad una valigia, infatti acquistando tutti e quattro i volumi, è possibile ricevere un cofanetto a forma di valigia per tenerli tutti insieme (io ho avuto anche il biglietto personalizzato in fiera). Personalmente mi è sembrata un’idea molto carina.

Ma la domanda è: perché questa stazione è così particolare? Come mai passano tutti di qua e i treni vanno ovunque sia necessario? Tutte le spiegazioni sono nella storia cornice che lega le quatto raccolte. Ogni libro è leggibile singolarmente, ma fornisce anche elementi per comprendere la storia nel suo complesso.

Nel complesso direi che è stato un buon acquisto al TCBF questo.