Questo è, ormai lo avrete capito, un blog un po’ anarchico, raramente si dedica alle ricorrenze comandate dal calendario di qualsiasi genere o da chi per lui quindi niente festa della donna, niente festa del papà ecc.

Quello che gli interessa, a questo blog un po’ anarchico, è di parlare all’orecchio acerbo degli adulti perché arrivino ai bambini, non molto altro anzi… mi pare piuttosto ambizioso già così, come progetto.

Le fiabe sono vere, su questo non c’è dubbio, ce l’hanno detto talmente in tanti che anche se ce l’avessimo ce lo faremmo passare subito; di come si leggano le favole classiche con le principesse salvate dai principi ecc. da Bettelheim in poi abbiamo qualche idea, però quante sono le favole in cui è la principessa che salva il principe?

Dalla lontana e piovosa Scozia arriva una favola bellissima che mi ha colpito tantissimo, sarà per la riscrittura di Dal Cin, le bellissime illustrazioni di Giovanni Manna ma mi è sembrata rivoluzionaria a suo modo anche se non so da quanto lontano nel tempo arrivi.

Si intitola Tam Lin, Janet e la principessa del Piccolo Popolo e narra la storia di una principessa (Janet) che incontra nel bosco un principe del Piccolo Popolo che però è in realtà un uomo fatto prigioniero dalla principessa di quel regno, ora, siccome è tanto bello e tanto piace a Janet, attenzione, LUI chiede a lei di rendergli la libertà presentandosi a mezzanotte nel bosco ed abbracciandolo tenendolo stretto qualsiasi cosa accada.
Janet è, come tutte le donne, molto coraggiosa e sa come prendersi ciò che vuole, a mezzanotte va nel bosco, assiste al passaggio del corteo regale del piccolo popolo e appena avvista il “suo” Tam Lin lo prende e lo tiene tanto stretto da non sentire che la principessa del piccolo popolo lo ha trasformato in una serpe, in un ferro rovente e chissà che altro. E’ talmente ostinata che la principessa che la spunta sulla sua parigrado del piccolo popolo.
Fine, l’amore trionfa, lei salva lui così come accade nella realtà, niente premesse e niente conseguenze esplicitate da questa storia, volete immaginare che si sposino? Mah, fate voi, che siano vissuti felici e contenti per sempre? Forse, è importante?

Forse per far crescere grandi donne aiuterebbe anche raccontare belle fiabe a bambine e bambini.

L’albo in cui è raccontata questa e diverse altre bellissime favole della tradizione scozzese è Il canto delle scogliere decimo volume della Panini in collaborazione con la mostra di Sarmede che quest’anno era infatti dedicata alla Scozia ed aveva in mostra le illustrazioni del libro. La riscrittura è come sempre di Dal Cin mentre gli illustratori sono diversi dando al volume un aspetto davvero eterogeneo.
Grazie alla collaborazione tra Radio Magica e la Casa della fantasia di Sarmede, dopo aver preso il libro, ascoltatevi in diretta la lettura delle storie!!

http://www.radiomagica.org/radio/programs-series/2556/?limit=0#page-1

http://www.radiomagica.org/mediaitem/tam-lin-janet-e-la-regina-del-piccolo-popolo/#page-1

Il canto delle scogliere. Fiabe e leggende dalla Scozia
Luigi Dal Cin, Il canto delle scogliere, Panini, 2014.