Prime letture autonome…qualche idea per il biennio della primaria

Oggi ortiche spettinate tante idee disordinate…però tante!

Dunque dunque….abbiamo in sospeso 

il librometro 

laboratori, gruppi mamme ecc.
Frattanto comincio a pensare a cosa racconterò domani ai genitori di prima e seconda primaria che incontrerò per.. convincerli dell’importanza della lettura. Detta così mi tremano le vene ai polsi e mi do malata…
Però può essere, ho pensato, anche una buona occasione per promuovere delle collane o delle tipologie di libri per contrastare la pigrizia a leggere o la lettura monolitica della serie “Geronimo Stilton o niente”.
Innanzitutto la bellezza e l’ebrezza della lettura autonoma non deve in nessun modo intaccare le buone pratiche di lettura ad alta voce, forse è il momento di cominciare a leggere libri un po’ più lunghi e complessi a puntate, come nella migliore tradizione del feuilletton, oppure per scoprire gli albi illustrati che permettono una lettura continuativa e conclusiva e in più aprono mondo immaginifici grazie alle illustrazioni.
Già qualche tempo fa scrissi qualcosa a proposito delle prime letture notando che il divario che c’è tra la semplicità di testi e trame dei libri proposti come prime letture e l’età dei bambini può sembrare enorme ed in effetti lo è se lo vediamo con il nostro punto di vista! Se però osserviamo le cose sforzandoci di ascoltarle con l’orecchio acerbo riusciremmo a sentire la difficoltà della sillabazione nella lettura, la fatica della conquista di mettere insieme una parola e poi un’intera frase e poi di rileggere il tutto cercando di leggere questa volta il significato oltre il significante…
Certo che se ad un bambino o a una bambina di 6 anni leggo ad alta voce le avventure dell’albero giovanni o altre simili probabilmente si stuferà, ma sicuramente quella stessa bambina o bambino, che sta appena iniziando a imparare ad unire le sillabe insieme, lasciata da sola allo stesso semplice libro vi troverà solo la soddisfazione di riuscire a leggerlo da sola!
Cosa ci vuole dunque ad un buon libro per la lettura solitaria della primaria? Innanzitutto il testo in stampatello, poi una trama semplice e accattivante. Ci sono bellissime collane che uniscono bene età, contenuti e tipo di carattere rendendoli riconoscibili per colore, quelle più note o di cui vi ho già raccontato le trovate qui ma oggi ve ne vorrei presentare un’altra davvero interessante: “Prime letture”, “Fumetti a colori per i più piccoli” e “leggimi a colori” tutte e tre di Sinnos.
Nei vari titoli proposti si trova tutto quello che serve con in più la caratteristica che rende unica l’esperienza di case editrici attente come Sinnos, ovvero il font ad alta leggibilità Leggimiprima che aiuta i bambini a distinguere maggiormente le parole includendo nella lettura di questi bei libri anche lettori dislessici.
Poi nella nuova collana di fumetti per i più piccoli oltre allo stampatello, al carattere ad alta leggibilità e qualità del racconto c’è anche la possibilità di introdurre il fumetto che è sempre un ottimo approccio per i bambini restii alla lettura o che almeno credono di esserlo o, meglio ancora, che i genitori ritengano tali. Quasi sempre a chi non si appassiona alla lettura non sono stati proposti gli spunti adeguati alla propria sensibilità, età o interesse. Per i libri mi capita infatti spesso di notare il procedimento esattamente contrario rispetto a quello che accade per i cartoni animati: mentre si tende a pensare (o semplicemente ad accettare in base al palinsesto) che un cartone animato pensato per bambini o ragazzi più grandi vada bene anche per bambini molto più piccoli (con tutto il merchandising improbabile che ne deriva, con Violette, Tartarughe Ninja e Star Wars alla scuola dell’infanzia), quando si tratta di libri li pensiamo sempre troppo difficili tanto che il mercato sta cartonando anche libri per bambini che il cartonato dovrebbero averlo abbandonato da anni.
Il piacere della lettura è dato anche dal riconoscersi in libri adeguati per contenuti e tipologia alla propria età, anticipare o bloccare le tappe può portare alla disaffezione. 
Per i bambini che già si orientano bene nella lettura ma necessitano di un carattere ad altaleggibilità ci sono i libri del divertentissimo Hank Zipzer scritti dal Henry Wincler ed editi da Uovonero.
Anche la Lapis ha due collane per il biennio della primaria davvero interessanti: le avventure narrate in “All’ombra delle piramidi” per bambini dai 6 anni e la nuovissima e bellissima “Storie nelle storie” con i protagonisti della grande letteratura di tutti i tempi da Angelica ad Orlando!
  
Se invece vi piace l’idea di un albo illustrato, quelli genialissimi e con il testo in maiuscolo non sono moltissimi ma Sinnos per esempio ne propone di bellissimi e poi ce n’è uno che secondo me resta imperdibile: Il segreto di Lu di Mario Ramos edito da Babalibri, una storia di amicizia e bullismo bellissima e leggibilissima! Comunque l’albo illustrato è il non plus ultra della lettura ad alta voce a questa età e quindi potete sbizzarrirvi nella scelta con attenzione alla storia e all’illustrazione ma rilassandovi un po’ sul tipo di font! 
E i silent book? Oddio ci sono anche loro!!! Ma per questi vi rimando qui e qui.
Mannaggia…potrei andare avanti per giorni ed ancora non ho idea di cosa racconterò a questi genitori domani…Però sperando possa essere utile vi metto di seguito i link di alcuni i post di Teste fiorite con libri dedicati alla fascia d’età dai 6 agli 8 anni!
NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!