“Fiori in famiglia. Storia e storie di Eva Mameli Calvino”

Lo devo ammettere, se non avessi trascorso anni e anni della mia vita a studiare l’opera di Italo Calvino non avrei mai provato curiosità per questo libro.

Che c’entra?

C’entra perché Eva Mameli Calvino era la mamma di Italo e se pochissimi la conoscono in questa verste forse ancora meno la conoscono come una delle scienziate più importanti del primo Novecento, prima donna in Italia ad ottenere la libera docenza in botanica, era 1915!

Elena Accati, Fiori in famiglia. Storia e storie di Eva Mameli Calvino, Editoriale Scienza, 2011.

La collana “Donne nella scienza” di Editoriale Scienza  ha questo di davvero interessante e innovativo: l’ aver dato spazio a donne che hanno cambiato la storia della scienza e di cui in pochi conoscono la storia, ed averlo fatto attraverso la penna di scienziate, di altrettante donne che si sono applicate alla scrittura per ragazzi per appassionare e raccontare alla nuova generazione quanto, anche nella scienza, si deve alle donne.

Leggendo Fiori in famiglia si ha subito la sensazione di trovarsi di fronte ad una botanica….e non solo perché il racconto di Eva è in prima persona, ma perché chi le dà voce sa esattamente di cosa sta parlando, si rincorrono nomi scientifici di pianete e descrizioni minuziose di procedimenti ed esperimenti scientifici.

Eva era una donna anticonformista e rigorosa che in anni di un altro secolo ha praticato una scelta di vita che in molti casi risulterebbe difficile ed anomala persino oggi: la dedizione completa e assoluta alla sua passione botanica e scientifica in cui ha ritagliato quello per la famiglia…scelta naturalmente non indifferente se si volesse immaginare l’infanzia dei due figli all’interno del paradiso terrestre di Villa Meridiana a San Remo…ma questa è un’altra storia che magari un giorno vi racconterò.

Il marito di Eva era un agronomo con cui condivideva progetti lavorativi, ricerca e scelte di vita privata, con Mario Calvino (di cui tutti si ricordano molto di più della moglie chissà poi perchè, lui non l’avrebbe mai voluto) ha avviato e condotto la stazione scientifica prima a Cuba (dove è anche nato Italo) e poi a Sanremo per dar vita alla prima stazione sperimentale di floricoltura con sede a Villa Meridiana, casa stessa dei Mameli Calvino.
Avete presente tutti quei fiori per cui è famosa la riviera ligure e con cui ci danno il tomento nel periodo del festival canoro? Ecco, quelli sono opera dei coniugi Calvino, prima in liguria di fiori praticamente non ce n’erano!

“I numeri di cui mi faccio forte sono questi: nel 1925-26 la Borsa Fiori di Sanremo registrava tre varietà di rose “Ulrich Brunner”, “Frau Druschky” e “Mac Arthur”. Oggi la varietà di rose da giardino sono 7562!”

Il libro è davvero interessante e la sua lettura indubbiamente vi darà la sensazione, anche grazie alla prima persona della narrazione, di trovarvi di fronte ad una grande donna, che forse a tratti potrà sembrare una madre lontana, ma se ci pensiamo un attimo questa è una riflessione che non faremmo se Eva fosse stato un uomo!

Le illustrazioni di Anna Curti seguono come fotografie la narrazione e l’apparato conclusivo informativo del libro lo rende una volta di più una seria operazione divulgativa come è d’altra parte abitudine della casa editrice Editoriale Scienza. Ogni titolo della collana ha una sua modalità narrativa e comunicativa, mi era piaciuto moltissimo Siate gentili con le mucche che avevo recensito qui e Fiori in famiglia non ha deluso le aspettative e ha fatto luce su una donna su cui, per traverso, avevo tanto immaginato.

Scusate ma a questo punto non resisto e concludo con una citazione meravigliosa di una delle pochissime descrizioni che Italo dedicò alla sua mamma…

“Che la vita fosse anche spreco, questo mia madre non lo ammetteva: cioè che fosse anche passione. Perciò non usciva mai dal giardino etichettato pianta per pianta, dalla casa tappezzata di bouganvillea, dallo studio col microscopio sotto la campana di vetro e gli erbari.

Senza incertezze, ordinata, trasformava le passioni in doveri e ne viveva”. 

Fiori in famiglia è indicato dagli 11 anni e si trova anche in formato ebook.

 

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!