“Natale su più piani’ di Marie-Aude Murail

Buon lunedì con la rubrica di Adolfina de Marco che continua con le proposte natalizie oggi proponendoci un testo di Maerie-Aude Murail, autrice a cui siamo molto legati qui in Teste fiorite e che con questo libro paga il suo tributo più diretto alla propria musa dichiarata: Charles Dickens.

Nel dicembre 1843 a Parigi fa molto freddo e per il piccolo Hugues potrebbe essere l’ultimo Natale perché è malato e il suo corpicino diventa sempre più debole. Ma non sarà così perché la sorella Jeanne sa prendersi cura di lui, sa anticipare i suoi desideri e le sue necessità per vederlo sano e felice.

La storia Natale su tutti i piani è raccontata dalla penna di Marie-Aude Murail, illustrato da Boiry e portata nelle librerie italiane dai tipi Camelozampa, un regalo che le editrici hanno voluto per il loro quinto compleanno!

Coerente con il suo stile, la scrittrice abbandona il lettore sulla scala delle emozioni facendolo scendere e salire senza mai fermarsi.

Delicata e profonda, toccante e leggera, la trama si snoda in un palazzo della Ville Lumiere dove fervono i preparativi per Natale… su tutti i piani.

All’ultimo piano abitano i due fratelli protagonisti. Hugues vorrebbe imparare a leggere e Jeanne sarebbe disposta ad insegnargli se solo sapesse farlo; le basterebbe possedere un libro per carpire il segreto della lettura. Di fronte al loro appartamento abita un giovane medico che riuscirà a portare il Natale anche nella loro casa.

Un racconto toccante che induce il lettore a cogliere l’intenzionalità nel donare un libro:  la ricerca dell’intesa, della complicità, dell’intima conoscenza dell’Altro e un grande gesto d’amore.

In questo racconto c’è un valore che va aggiunto, ovvero l’intenzione di leggere, di imparare un codice che apre le porte alla Conoscenza e al Cuore. Messaggio, questo, che in più occasioni l’autrice ha ripetuto alle platee di giovani lettori durante gli incontri.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!