Hotel Bonbien

Care teste fiorite,

non so voi ma io sono alle prese con i libri da scegliere da portare in vacanza o da mettere in zaino nel viaggio giornaliero verso la spiaggia, quando ci si riesce ad andare.

Ed allora ecco che continuano i consigli di letture estive, questa volta vi consiglio un romanzo per la fascia d’età dai 9 anni in su. Come sempre l’età è puramente indicativa e dipende dalla competenza di lettura di ciascuno quindi tenetevi molto ma molto larghi e flessibili sulle indicazioni d’età che vi do (vi rimando anche a questo contributo proprio a riguardo).

Si intitola Hotel Bonbien è scritto da Enne Koens, interpuntato dalle illustrazioni di Katrien Holland, tradotto da Olga Amagliani e edito in queste settimane da Camelozampa.

La storia è ambientata in estate, esattamente nell’estate in cui Siri, la protagonista, compie 10 anni e inizia a scoprire che il mondo non gira sempre come piace a lei. I problemi in famiglia non mancano e le difficoltà anche economiche iniziano a manifestarsi ai suoi occhi ma la location in un vecchio alberghetto a conduzione familiare su una via secondaria sulla via del mare rende il tutto particolarmente gustoso e divertente. Una piccola commedia, a tratti una piccola commedia degli equivoci, in cui spesso, come nella realtà, le cose non sono come sembrano e l’inatteso può capitare. Sarà Siri a rimettere le cose in ordine ma in un modo del tutto speciale: dopo una caduta dall’albero Siri acquisirà una memoria prodigiosa che le permetterà di partecipare e vincere un concorso di memoria e di pagare con la vincita un po’ di debiti dell’albergo. La trama ve l’ho semplificata oltre ogni dire, e tagliata indegnamente con l’accetta, in mezzo ci sono varie storie e cammei che si intrecciano e che danno ritmo e sapore alla narrazione.

Come non mi stancherò mai di ripetere la trama è solo la punta dell’iceberg-libro, non è lei a rendere il libro bello o meno bensì la struttura narrativa, la scelta del punto di vista, il ritmo della narrazione fatto di attese e velocizzazioni, di suspense e descrizioni a seconda della tipologia di libro. Qui, benché il plot tenga naturalmente, è la scrittura della Koens a rendere il romanzo leggero, godibile, divertente e al tempo stesso denso e con una ottima capacità di richiamare immedesimazione e empatia.

Le illustrazioni della Holland fanno da accompagnamento ironico al tutto, il suo tratto rapido richiama quello di Quentin Blake il che contribuisce a richiamare l’occhio del lettore verso il libro che, come si sa a dispetto di tutti i modi di dire viene necessariamente scelto a partire dalla copertina!

L’ambientazione nell’hotel dal significativo nome di Bonbien (bene benissimo, nome ironico ma nemmeno poi tanto visto come la storia andrà a finire), la caduta di alcune lettere luminose della scritta sulla facciata che inizialmente sembra far presagire la catastrofe, mi ha richiamato alla mente un altro bellissimo romanzo uscito qualche tempo fa, anche quello nordico: Hotel grande A di Sjioerd Kuyper. Pur nelle differenze tra i due libri, anche rispetto all’età dei lettori destinatari, di tipologia di narrazione ecc., la somiglianza di ambientazione ha richiamato la mia attenzione: il luogo in cui si decide di ambientare una narrazione è fondamentale e non solo per la definizione dei personaggi e delle loro possibilità di movimento. Un albergo a conduzione familiare fuori dai contesti urbani dà evidentemente dei margini di movimento fisico e psichico decisamente più ampi per la definizione del carattere e delle possibilità di esperienza dei personaggi. La libertà di Siri e del fratello in questo contesto semi-naturale e al tempo stesso le restrizioni che il medesimo luogo impone negli spostamenti e nei contatti con altri esseri umani che non siano avventori dell’albergo, è parte integrante della costruzione narrativa e del suo sviluppo ritmico.

Hotel Bonbien potrebbe essere uno dei romanzi dell’estate dei vostri figlia, amici, nipoti, il romanzo dell’estate dei 10 anni suppergiù, se vi siete lasciati convincere mandatemi dei riscontri dai giovani lettori!

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!