Libri del cuore

Questo post è scritto da Lucia Schiralli che cura la rubrica “compagni di classe” in uscita a giovedì alterni.

E se oggi parlassimo d’amore?

Non è mai facile esprimere i propri sentimenti, la cosa poi si complica notevolmente se hai dodici anni e se l’argomento in questione è l’amore. Trattasi di affari delicati, meglio intervenire subito, e con i libri. Scherzi a parte, spesso i miei alunni mi confidano questioni personali, mi dicono ad esempio di essere innamorati o di non sapere come comunicare il loro sentimento all’altro, altre volte sono tristi perché sono stati lasciati o si sono accorti che la persona di cui sono cotti non li ricambia.

Sull’argomento l’offerta di testi è davvero sterminata, mi permetto solo di proporre in questa sede alcuni libri che uso in classe.

Inizio sempre dal Libro dei grandi contrari filosofici, edizioni Isbn scritto da Oscar Bienifier. Vi consiglio questo libro a prescindere, è leggibile, comprensibile e utilizzabile da tutti a partire dai 10 anni fino ai 99. Il libro prevede dodici coppie di contrari filosofici, di categorie ontologiche funzionali a rispondere ai mille perché dei ragazzi  (anche nostri). Le coppie sono:

Uno e molteplice, Finito e infinito, Essere e apparenza, Libertà e necessità, Ragione e passione, Natura e cultura, Tempo ed eternità, Io e l’altro, Corpo e mente, Attivo e passivo, Oggettivo e soggettivo, Causa ed effetto. 

Lo schema del libro è semplice: una brevissima introduzione precede la presentazione delle singole categorie, una per ogni pagina e per finire una domanda stimolo che apre la strada a mille prospettive di confronto e discussione. Le illustrazioni poi…meravigliose! 

Quando voglio parlare d’amore mi soffermo sempre sulla coppia Io e l’altro:

“Io è la mia individualità”, ciò che mi rende una persona diversa, unica, insostituibile: con un nome, un aspetto, dei gusti, dei sentimenti, una personalità, un pensiero che appartengono solo a me

“L’altro è quello che io non sono, che possiede un corpo e una mente che non sono miei. Ma che ha, come me, un nome, un aspetto, dei gusti, dei sentimenti, una personalità, un pensiero che appartengono solo a lui

Per arrivare all’amore occorre dunque partire dal rispetto per l’altro

La seconda proposta riguarda le poesie: Il mio primo libro di poesie d’amore di Bernard Friot con illustrazioni di Desideria Guicciardini edito da Il castoro.

Amore

Bacio

Carezza

Desiderio

Emozione

Follia

Gioia (a volte) Guancia (baciare sulla)

H (muta come talora l’amore

Incurabile o Illusione o Inedia

(perché l’amore a volte può togliere l’appetito)

Io (e tu per fare noi)

Languore

Ho tentato di mettere l’amore in ordine alfabetico

Ahimè alla M c’è Menzogna

Allora alla M smettiamola

Sono qui sintetizzate tutte le caratteristiche dell’amore; sarebbe divertente invitare i ragazzi a continuare la poesia aggiungendo altre parole, le loro.

Un bellissimo albo illustrato è Mio amore di Beatrice Alemagna, edito da Topipittori. Uno strano animale, un coso bizzarro si aggira per le pagine del libro senza mai essere riconosciuto da nessuno, o quasi. Il finale è a sorpresa!

E quando l’amore finisce? Quando mamma e papà si separano cosa accade? Accade che si ha

Due di tutto, scritto da Arianna Papini ed edito da Fatatrac: questo album affronta il delicatissimo tema della separazione dei genitori. La narrazione procede parallelamente offrendo un doppio punto di vista, due di tutto, appunto. 

Allo zoo la portano i nonni,

ma cosa credono che io non ci penso 

a cosa succede a casa mia?

Oggi che il babbo vola via

A stare nella casa solo sua non nostra,

odore di sigaro che se ne va e di barba fatta

e di caffè che la mamma non lo può bere

perché è nervosa

Ciao alla prossima e ci vediamo fra quindici giorni!

Teste fiorite Cookie Consent with Real Cookie Banner