Ciao Micio

Oooo! Una bella antologia illustrata di poesie sui gatti ci voleva proprio e se non la stavate aspettando sulla soglia della porta almeno potete rallegrarvi di poterla trovare il libreria!

Il libro in questione è Ciao micio! in cui Mies van Hout illustra poesie di Bette Westera, Koos Meinderts, Sjoerd Kuyper, Hans e Monique Hagen tradotte poeticamente da Nicola Cinquetti, ennesimo libro azzeccato della premiata ditta Camelozampa!

20 poesie, 20 doppie tavole per raccontare per versi e segni l’essenza una e più che trina di sua maestà il gatto, o la gatta, a seconda dei casi.

Chi ha a che fare con un felino domestico riconoscerà in moltissime poesie il proprio compagno o compagna di vita quotidiana, ma anche chi non ha questa fortuna si divertirà parecchio perché c’è poco da fare, il gatto è un animale venerabile e – venerato nel passato -a priori, la sua essenza si presta decisamente all’impostazione poetica, versificata, anche quando, se non soprattutto quando, i versi volgono verso (e non vi sfugga l’assonanza voluta 😜) la presa in giro, l’ironia, lo humor. E di questo tipo di testi in Ciao micio! ce ne sono parecchi!

La traduzione poetica, come viene definita sin dalla copertina, è di Nicola Cinquetti e questo ci garantisce di un lavoro estremo sul suono e sul senso che giustamente finalmente fa finire un traduttore in copertina (pratica che Camelozampa sta iniziando a fare ogni qualvolta ci siano di mezzo testi poetici e dunque traduzioni tali). Non ho avuto ancora modo, o se preferite non mi sono ancora (lo farò) presa la briga e il tempo di andare a verificare gli originali per valutare la quantità di rielaborazione letteraria, sulla qualità invece di dubbi non ne ho perché il nome di Cinquetti è uno di quelli su cui si può metter la mano sul fuoco, sbaglio?

Perché?

Mi spiace, questo posto è occupato.

Sloggiare? Perché? Sono appena arrivato.

Subito? Fuori piove che si annega.

Peli? E chissenefrega.

Pulci? Ma per chi mi hai preso?

Prepotente? Ma se sono così indifeso.

Quale cesta? Guarda che questa poltrona è mia.

No no, io non me ne vado via.

Pigro? Non sono né pigro né grasso, io.

Io

sono io

sono io

sono io

sono

io.

Teste fiorite Consenso ai cookie con Real Cookie Banner