Rosso di cielo

Vogliamo parlare di quando il colore incontra il suono delle parole? O di quando l’illustrazione incontra la poesia?

Vogliamo parlare di Rosso di cielo di Chiara Carminati e Alessandro Sanna edito da Lapis?

Ci sono colori che conosciamo tutti noi poveri mortali e poi ci sono i colori che conoscono solo i bambini e i poeti, le bambine e le poetesse, e gli artisti e le artiste, chi riesce a tenere dentro di sé un pochino di quel sentire che tutti gli altri perdono con l’età. A questi colori che per raccontarli ci vuole la metafora di una poesia, a fatica di un acquerello è dedicato Rosso di cielo che unisce i versi di Chiara Carminati e le illustrazioni di Alessandro Sanna in una prova molto diversa ma ugualmente meravigliosa a quella di Poesia con fusa.

Rosso di cielo è un libro di grande formato, uno di quei rari libri a figure in cui la poesia trova risonanza nell’illustrazione e viceversa, il libro si divide in 3 parti, direi quasi tre stanze poetiche: rosso di cielo che dà il titolo al libro, come spesso accade nelle raccolte di poesia dove la prima poesia diventa il titolo dell’opera intera, giallo di vento e blu di montagna.

Ogni strofa, aria, stanza, poesia, chiamatele un po’ come preferite, si costruisce nel medesimo modo: doppie tavole di colori più o meno noti, a mo’ di tavolozza, una doppiatavola intensissima dedicata al colore “speciale”, poi altre due tavole di “passaggio” e due doppie tavole che sono un crescendo a chiudere il colore della sezione.

E poi c’è una struttura dei versi che per ogni sezione prende una sonorità diversa, più intensa, decisamente, in Rosso di cielo, più aerea in giallo di vento e più incalzante in Blu di montagna.

Ma la cosa che rende così intensa la lettura di Rosso di cielo è l’insieme tra i versi e le illustrazioni di Sanna che prendono al balzo l’occasione dell’elenco di colori per richiamare una enormità di sensazioni e emozioni e situazioni storie e… tutto ciò che potete trovarci dentro ognuno con la propria sensibilità e con il proprio personalissimo punto di vista.

Ma chi resiste a giallo di vento

quando volteggia e ti avvolge leggero

e ti trascina veloce e poi lento

ti soffia via ogni pensiero.

Parole pesate al millimetro per far risuonare la lingua in altri meandri che non siano solo quelli dell’orecchio; squarci di colori e illustrazioni incastonate alla perfezione per stare al passo al massimo livello con questo raffinatissimo gioco di suoni e sensi alla portata anche di piccoli lettori e lettrici.

Care e cari insegnanti di ogni ordine e grado, e se i colori li raccontassimo e incontrassimo con la poesia? Con questa incredibile risonanza di parole e immagini?

Lasciatevi e soprattutto lasciate che bambini e bambine si lascino trasportare dal rosso di cielo, dal giallo di vento e anche dal blu di montagna per ritrovare i colori che meglio risuonano dentro di loro e cogliere la potenza della sinestesia come figura retorica portante non solo di questa poesia ma anche di tutte le emozioni che siamo in grado di provare.

Teste fiorite Cookie Consent with Real Cookie Banner